SANT’ERASMO COVID FREE!

GUARITA ANCHE L’ULTIMA OSPITE POSITIVA AL VIRUS

Con immenso piacere condividiamo la notizia più bella: da oggi ufficialmente la nostra RSA è COVID-FREE. Tutti gli ospiti sono risultati negativi ai tamponi.

“Vogliamo rivolgerci innanzitutto agli ospiti e ai famigliari degli ospiti – ha commentato il Presidente Domenico Godano - che con fiducia ed enorme pazienza ci hanno supportato per tutta l’emergenza e che ancora oggi collaborano fattivamente con noi. È il loro appoggio che ci ha dato la forza per andare avanti. Grazie infinite”

“Nella giornata odierna abbiamo definitivamente chiuso la zona “rossa” – spiega il DG Frigoli – ed entro domani attiveremo la sanificazione, liberando 24 posti letto per i nuovi ingressi”. Il Piano di rientro in realtà è partito da due settimane e sono 6 i nuovi ospiti già accolti. Entro la fine di questa settimana sono previsti 4 nuovi ingressi e ora, con la disponibilità dei nuovi spazi, la RSA potrà accelerare il processo di rientro.

“Occorre comunque agire gradualmente – spiega il DG Frigoli - al fine di garantire l’isolamento temporaneo dei nuovi ospiti”. La delibera regionale che autorizza la riapertura prevede infatti che il rientro in struttura sia preceduto da test ed esami sierologici nei 14 giorni precedenti l’ingresso e che, dopo il ricovero, vengano garantiti altrettanti giorni di isolamento.

“L’importante però – aggiunge Frigoli - è che siamo ripartiti e che il percorso di rientro stia proseguendo nel rispetto del Piano sottoscritto dal Presidente Godano ad inizio mese”.

Le condizioni per farcela ci sono. Dallo screening effettuato sulla lista d’attesa, ben 31 famiglie si sono dichiarate disponibili ad entrare subito nella nostra RSA. E molte altre hanno confermato l’interesse, ma chiedono di essere accolte subito dopo l’estate.

Un dato significativo è quello della provenienza: fra i 31 ospiti pronti a trasferirsi immediatamente al Sant’Erasmo ben 8  sono attualmente ricoverati presso altre RSA!

“Il fatto che molti bussino alla nostra porta – afferma il Presidente Godano - è un fatto oggettivo che conferma che la fiducia nella nostra struttura è ancora molto alta e che ci ripaga dei sacrifici e delle difficoltà di questi mesi”.

“Il pensiero – prosegue il Presidente - va ai tanti che ci hanno lasciato, ai tanti lavoratori che si sono ammalati e a tutti quelli che hanno sempre offerto il proprio prezioso servizio, rimanendo al proprio posto per garantire la continuità delle cure agli ospiti. Sono stati eccezionali e sono fiero di ciascuno di loro”.

“E nonostante le difficoltà  - aggiunge Godano - nei prossimi giorni vogliamo comunque riuscire a reperire le risorse per un premio simbolico ai tanti che hanno fatto fino in fondo il proprio dovere durante l’epidemia”.

Ora iniziano nuove sfide. La prima è quella per impedire che il Covid, qualora nei prossimi mesi dovesse sciaguratamente rialzare la testa nel Paese, non abbia accesso nella nostra struttura. La seconda è per riequilibrare i conti. Il blocco degli ingressi ha infatti messo in ginocchio molte RSA, soprattutto quelle come il Sant’Erasmo che hanno avuto la sfortuna di essere aggredite subito dal virus.

“Dobbiamo farcela. Così come siamo riusciti a debellare il virus riusciremo anche a sistemare i conti. Il Sant’Erasmo ha una grande storia alle sue spalle e vogliamo permettergli di scriverla anche nel futuro. Dobbiamo farlo per Legnano, per tutti coloro che chiedono il nostro servizio e per le tante famiglie che qui trovano un lavoro”.

Ricordiamo che al Sant’Erasmo lavorano 120 persone fra medici, infermieri, operatori socio-sanitari, servizi di manutenzione, cucina, lavanderia e amministrativi. E poi ci sono altri lavoratori dei servizi esternalizzati, come le pulizie. “A tutti loro – concludono all’unisono il DG e il Presidente e Godano -  la Fondazione assicura il massimo di impegno per riuscire a riequilibrare la situazione della Fondazione anche sotto il profilo economico e finanziario. La soddisfazione per la vittoria odierna sul Covid ci servirà da aiuto e da sprone per concludere in tempi rapidi anche questa battaglia”

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.